Il Draming®

Il Draming® è un processo di integrazione socio-educativo originale applicabile in differenti contesti, può essere attivato nei percorsi educativi, riabilitativi e formativi, con bambini, adolescenti, giovani e adulti, con gruppi omogenei ed eterogenei e ovunque si desideri effettuare un percorso di integrazione, evoluzione e crescita del singolo e del gruppo.

Si tratta di un una modalità di lavoro che integra gli strumenti del counseling espressivo con il training del teatro contemporaneo.

Favorisce l’evoluzione verso il benessere e il miglior essere e fa partecipi tutte le funzioni: corporea, emozionale, cognitiva, relazionale e trascendente; sostiene l’espressione e il dialogo delle parti nel processo di integrazione.

Attraverso proposte di azioni amplificate ottenute attraverso training di movimento libero e guidato, variazioni di ritmo, vocalizzazione, coreutica, esperienze di ruolo e di formalizzazione, i partecipanti sono accompagnati nell’esprimere parti del proprio potenziale. Ognuno può lavorare all’esplorazione di Sé ed esperire l’emergere di azioni, relazioni, emozioni e pensieri originali/inconsueti.

Il materiale affiorante può avere carattere primitivo e introdurre elementi nuovi nell’esperienza dell’individuo e del gruppo. Nell’immediato è possibile che si determini una danza delle incongruenze: il lavoro del Dramer in questa fase si concentra sulle istanze individuali nell’agevolare il riconoscimento, il contenimento e l’elaborazione.

Nel corso del processo, accompagnato dal Dramer, il partecipante lavora all’integrazione degli elementi emergenti con l’insieme della sua personalità, dismette strutture obsolete ed impegna modalità più efficaci e funzionali al proprio benessere e alla propria integrazione sociale.

Al temine del ciclo, qualora l’integrazione si sia compiuta e il risultato si riveli armonioso ed estetico, ciò che è sedimentato durante il lavoro può rivelarsi indistinguibile dall’insieme delle parti e le tracce secche di un altro tempo scomparse.

Il lavoro si svolge in uno spazio ampio, in un clima protetto che favorisce la sensazione di sicurezza e la volontà di esposizione. Le sessioni di lavoro possono avere durata di 2-3 ore con frequenza settimanale, svilupparsi in seminari di un fine settimana o in residenziali di più giorni consecutivi. La durata dei percorsi varia a seconda degli obiettivi e dei risultati attesi.

Ambiti di intervento

Il Draming® nei contesti scolastici: sono stati esperiti percorsi in gruppi classe e gruppi trasversali nelle scuole pubbliche, dalla scuola dell’infanzia alla scuola superiore. Gli obiettivi spaziano dal disvelamento del potenziale espressivo al miglioramento della relazione intergruppale e intragruppale, alla riduzione dei fenomeni di dispersione e di insuccesso scolastico.

Il Draming® nei contesti di integrazione interculturale è uno strumento che può intervenire a vari livelli, per accompagnare processi di integrazioni tra i popoli, le culture, i generi, le generazioni e in genere tra le differenze.

Il Draming® nei contesti di disagio psichico è stato adottato con successo in programmi di riabilitazione integrati dove questa metodologia è stata adottata dall’equipe di medici, psicologi ed educatori coinvolti nel progetto.

Il Draming® con gruppi informali di adolescenti ha permesso di sperimentare il processo di espansione del potenziale individuale in forma ampia, data la forte motivazione dei partecipanti.

Il Draming® con gruppi di adulti è applicabile con gruppi interessati ad un percorso di crescita personale di espansione delle abilità espressive, comunicative e relazionali per la ricerca del ben-essere e del miglior essere.

Il Draming® nella formazione professionale è stato applicato per l’ampliamento delle competenze trasversali in percorsi di formazione professionali per operatori della relazione di aiuto: operatori sociali, educatori, animatori, insegnanti, counselor, psicologi, esperti nei processi formativi.

Fasi del processo

Fase espressiva

In un clima di sospensione di giudizio, attraverso un training mirato, si tende a favorire e stimolare la formazione del gruppo ed a costituire un’alleanza operativa con il Dramer. Si arriva in modo graduale a soffermare l’attenzione sull’uso della voce, sulle potenzialità espressive del corpo e sulla presa di consapevolezza dello spazio, offrendo numerose opportunità al disvelamento del potenziale espressivo individuale e del gruppo.

Fase elaborativa

Vengono attuate modalità di counseling tese ad agevolare l’elaborazione di quanto espresso nella fase precedente con l’intento di ridurre gli atteggiamenti inibitori riguardanti l’espressione di sé e a favorire il contenimento dei comportamenti iper-attivi.

Fase integrativa

Il lavoro si direziona verso la formalizzazione del materiale parzialmente elaborato per giungere ad una integrazione consapevole delle modalità espressive che l’attività ha disvelato.

Fase estetica

Nella fase conclusiva del processo il lavoro si centra sull’assimilazione delle abilità espressive trattate nelle fasi precedenti; il partecipante può così accrescere il proprio potenziale attivo appropriandosi in maniera stabile di una capacità di azione che reputa più funzionale ed efficace.

Finalità

  • Esplorare le proprie caratteristiche espressivo-comunicative e di ascolto
  • Esprimere il proprio potenziale espressivo, comunicativo e relazionale: verbale, non verbale e paraverbale
  • Conoscere se stessi in relazione all’altro da sé
  • Riconoscere ed esprimere i bisogni ed i desideri personali
  • Espandere la propria creatività e lo sviluppo della componente fantastica per acquisire una maggiore efficacia nella soluzione dei problemi
  • Stimolare la capacità di lavoro di gruppo favorendo l’interazione e l’integrazione
  • Consentire processi di apprendimento diversificati anche mediante strumenti e linguaggi alternativi
  • Acquisire consapevolezza della propria corporeità e delle possibilità che ciascun individuo ha di realizzare movimenti espressivi ed esteticamente significativi
  • Riconoscere le proprie sensazioni, simbolizzare, esprimere e modulare le emozioni
  • Acquisire la capacità di esprimere in maniera metaforica concetti, stati emozionali, bisogni e desideri
  • Rafforzare il concetto di sé, l’autostima e l’assertività
  • Promuovere la progettualità, la responsabilità, l’autonomia e la capacità di interdipendenza

Comments are closed.